Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookies Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

 

Vendere su internet: opportunità e limiti e coordinamento con la propria rete distributiva

Destinatari:  imprenditori, manager, direttori marketing/vendite, export manager

 

Per molti produttori è ormai diventato essenziale disporre di un sito Internet che permetta di vendere i propri prodotti direttamente ai consumatori, se non altro per non trovarsi in ritardo rispetto ai propri concorrenti.

Una simile scelta richiede un coordinamento con la rete esistente, sia sotto il profilo commerciale (in quanto si dovrà fare in modo che questa patisca il meno possibile la concorrenza con le vendite dirette del produttore), sia sotto il profilo contrattuale (modificando i contratti in modo che le vendite su Internet non siano considerate come violazione dell’esclusiva dei membri della rete).

Un’altra problematica importante, che si presenta indipendentemente dalla scelta del produttore di vendere egli stesso su Internet, riguarda i limiti che si possono imporre ai propri distributori/rivenditori che desiderino promuovere e vendere i prodotti su Internet, aspetto sul quale incide pesantemente la normativa antitrust europea.

La predisposizione delle condizioni generali di vendita del Sito Internet (e delle procedure di conclusione del contratto, di informazioni pre-contrattuali, ecc.) dovrà tener conto delle specifiche norme poste a tutela del consumatore non solo italiane ma anche dei paesi ai quali il Sito dell’impresa si rivolge. A ciò si aggiunga inoltre l’adeguamento alle nuove norme sulla privacy di cui al recente Regolamento UE 2016/679, applicabile dal 25 maggio 2018.

Infine, l’azienda dovrà agire nel rispetto delle norme sulle pratiche commerciali scorrette, tenendo conto della giurisprudenza che si sta sviluppando su questo tema, ivi comprese le decisioni dell’Autorità antitrust demandata al controllo e rispetto di tale normativa.

 

Relatori:

 

Avv. Silvia Bortolotti, partner degli studi legali associati BBM - Buffa, Bortolotti & Mathis; Segretaria Generale dell'International Distribution Institute (IDI)

Dott.ssa Ginevra Bruzzone, Vicedirettore Generale Assonime

Avv. Mariaelena Giorcelli, partner degli studi legali associati BBM - Buffa, Bortolotti & Mathis

Dott.ssa Aurora Saija,  Assonime

 

Per informazini e iscrizioni

torna indietro