Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookies Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recenti tendenze di tutela del franchisee da parte dei giudici italiani. Valutazioni e strategie (Webinar)

Destinatari:  Franchisors

Negli ultimi anni si è visto un forte incremento del contenzioso sul franchising in Italia.

La casistica più frequente rimane sempre l’opposizione al decreto ingiuntivo del franchisor, con la quale il franchisee adduce le più svariate domande (tipicamente, annullamento del contratto per violazione dell’obbligo di disclosure; nullità del contratto per mancanza degli elementi essenziali, mancata/insufficiente assistenza e formazione ecc.) e che nella maggior parte dei casi viene rigettata dal tribunale, in quanto infondata.

In questo contesto, la famosa sentenza di Cassazione n. 11256 del 2018 sul know-how, nell’escludere che le indicazioni contenute nell’art. 3, comma 4 l. 129/2004 debbano considerarsi quali elementi “essenziali” del contratto, ha in realtà contribuito a ridurre il contenzioso, restringendo lo spazio, ampiamente utilizzato dai franchisees fino ad allora, per far valere la nullità dei contratti.

D’altro canto, però, si nota una tendenza sempre maggiore dei giudici di merito a favorire l’affiliato, anche tramite interpretazioni eccessivamente estensive o comunque “forzate” delle clausole contrattuali (ad esempio, per garantire al franchisee una protezione territoriale, pur in assenza di esclusiva); oppure valutando il comportamento del franchisor nella gestione del rapporto contrattuale come contrario al generale principio di buona fede; o infine consentendo all’affiliato di uscire dal contratto, anche in assenza di previsioni contrattuali che glielo consentono.

In questo panorama si inserisce la recente apertura di istruttoria dell’AGCM nei confronti di Benetton, per abuso di dipendenza economica, che mette in discussione gran parte delle clausole tipiche dei contratti di franchising, suscitando legittime preoccupazioni tra i franchisors.

Lo scopo del presente webinar è quello di esaminare le tendenze sopra evidenziate, aprendo una discussione tra franchisors sui relativi rischi e sulle possibili soluzioni e strategie.

Si tratta cioè di favorire un confronto tra gli interessati, volto ad individuare strategie comuni per preservare il valore del franchising sul mercato, e anche per riflettere su possibili soluzioni contrattuali e di gestione della rete che permettano di far fronte a questa evoluzione giurisprudenziale.

La partecipazione al webinar è riservata ai franchisors. Allo scopo di consentire una libera discussione e confronto, non ci sarà alcuna registrazione o divulgazione di quanto discusso durante l'evento.

 

 

Programma del webinar

Le recenti tendenze giurisprudenziali sul contratto di franchising:

- La sentenza di Cassazione n. 11256/2018, sul know-how e le sentenze di merito successive:

- effetti sulle domande di nullità del contratto per mancanza degli elementi essenziali;

- conseguenze sulla strategia di inquadramento del contratto come franchising vs. distribuzione con licenza di marchio.

- Sentenze che garantiscono protezione al franchisee oltre i limiti previsti dalla (o in assenza di) esclusiva contrattuale:

- invasione di zona da parte di altro franchisee;

- invasione da rete parallela del franchisor;

- invasione da parte del franchisor su canali diversi, in conformità al contratto.

- Tutela riconosciuta in situazioni di difficoltà economica del franchisee:

- recesso/risoluzione per svincolare il franchisee dal contratto, alla luce di clausole che non glielo consentono;

- domande di abuso del diritto e abuso di dipendenza economica:

- nella giurisprudenza di merito;

- nella decisione dell’AGCM del 17/11/2020.

- Applicazione del principio di buona fede.

 

Relatori

Prof. Avv. Fabio Bortolotti, partner fondatore degli studi legali associati BBM - Buffa, Bortolotti & Mathis; Presidente dell'International Distribution Institute (IDI); membro della Commissione "Commercial Law and Practice" della Camera di Commercio Internazionale; arbitro internazionale; è indicato in Who's Who Legal  tra i maggiori esperti italiani di franchising.

Avv. Silvia Bortolotti, partner degli studi legali associati BBM - Buffa, Bortolotti & Mathis; Segretaria Generale dell'International Distribution Institute (IDI); Officer  (Conference Coordinator ) dell'International Franchising Committee dell'International Bar Association (IBA); membro del gruppo European Franchise Lawyers (EFL); è indicata in Who’s Who Legal  tra i maggiori esperti italiani di franchising.

 

Webinar gratuito, riservato ai franchisors.

 

Per iscrizioni scrivere a: info@bbmpartners.com 

 

torna indietro